Università degli Studi di Firenze SST Regione Toscana

L’art. 1, comma 51, della legge n. 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo articolo, il 54bis, nell’ambito del D.Lgs. n. 165/2001, rubricato “Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti”, che introduce una misura finalizzata a favorire l’emersione di fattispecie di illecito, nota nei paesi anglosassoni come whistleblowing.

Per whistleblower si intende il dipendente pubblico (o chi è venuto a conoscenza in ragione dello svolgimento della propria attività lavorativa) che segnala violazioni o irregolarità a cui abbia assistito, commesse ai danni dell’interesse pubblico, agli organi legittimati a intervenire.

L’AOU Careggi ha deciso di consentire la segnalazione, oltre a dipendenti e collaboratori, anche a soggetti esterni che vogliono denunciare episodi di corruzione/maladministration riguardanti gli operatori aziendali. Tale decisione è in linea anche con l’innovativo servizio di Transparency International Italia (ALAC, letteralmente Advocacy and Legal Advice Centre) indirizzato ai cittadini che vogliono segnalare un caso di corruzione di cui siano venuti a conoscenza. L’obiettivo è quello di aiutare chi decide di segnalare episodi di corruzione/maladministration nel modo più sicuro e più appropriato, in quanto la segnalazione dell’utente risulta utile all’Azienda per meglio presidiare i propri processi.

Leggi la Procedura di segnalazione di illeciti ed irregolarità (whistleblowing policy)

Modalità di segnalazione

La segnalazione può essere:

  • aperta: resa da parte di soggetto che fornisce i propri dati anagrafici o identificativi al Responsabile per la prevenzione della corruzione;

  • anonima: resa da parte di soggetto che non intende rivelare la propria identità e che di conseguenza non compila i relativi campi nel modulo di segnalazione.

Le segnalazioni anonime, vale a dire prive di elementi che consentano di identificare il loro autore, verranno prese in considerazione per ulteriori verifiche solo se relative a fatti di particolare gravità e con un contenuto che risulti adeguatamente dettagliato e circostanziato.

La segnalazione può essere:

Verbale

Il segnalante rilascia dichiarazione a voce al Responsabile per la prevenzione della corruzione, che trascrive un verbale.

Scritta

Deve essere redatta sul Modulo segnalazione illeciti e irregolarità ;  il modulo prevede le informazioni utili al Responsabile per la prevenzione della corruzione per la presa in carico sella segnalazione.

Modalità di invio della segnalazione scritta:

  • a mezzo del servizio postale o tramite posta interna in busta chiusa, a garanzia di riservatezza, indirizzata al Responsabile per la prevenzione della corruzione AOU Careggi - NIC 2, Largo Brambilla 3 - 50134 Firenze;

  • invio per posta elettronica all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; La posta elettronica normale è spedita “in chiaro” e non sempre garantisce la riservatezza, poiché passa per il server di posta e il client di posta di chi l’ha inviata o ricevuta, quindi potrebbe essere indebitamente intercettata da altri soggetti.

Segnalazione criptata (via web)

Per garantire maggiormente la riservatezza del whistleblower è disponibile un sistema di segnalazione criptata; in questo modo tutto il contenuto della segnalazione viene cifrato e può essere letto esclusivamente dal Responsabile per la prevenzione della corruzione che detiene la chiave di accesso per la decriptazione e una password di sicurezza.
Per questioni di privacy nessun dato sarà memorizzato dal programma; una volta decriptato il messaggio è cura del Responsabile per la prevenzione della corruzione renderlo non accessibile ad altri.

Modulo per la segnalazione criptata di possibile illecito

Il sistema genera un codice identificativo della segnalazione che, unitamente alla password inserita dal segnalante, consentirà successivi accessi al sistema criptato per controllare gli aggiornamenti di stato (risposte).
La presenza di un aggiornamento di stato della segnalazione è notificato al segnalante con una e-mail.
Il segnalante anonimo non riceve la notifica via e-mail, quindi deve periodicamente accedere al sistema per controllare l'aggiornamento di stato.


Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.

Continuando la navigazione ne accetti il loro utilizzo. Per saperne di più o non consentirne l'utilizzo leggi Maggiori Informazioni

Continua