Università degli Studi di Firenze SST Regione Toscana

Il restauro di una macchina a vapore o locomobile, in mostra permanente all’Ingresso dell’Azienda ospedaliero – universitaria Careggi a Firenze, sarà inaugurato dall’Assessore alla Sanità della Regione Toscana Stefania Saccardi lunedì 23 luglioalle ore 11:00.
La macchina a vapore degli inizi del 900, per decenni dimenticata ai margini dei poderi che circondavano l’area ospedaliera venne acquistata alla fine della Seconda Guerra Mondiale per produrre energia elettrica ed è quindi stata impiegata per il funzionamento della lavanderia.

Un meticoloso restauro di tre anni realizzato da alcuni dipendenti dell’Area tecnica di Careggi, con la consulenza del "Museo della Macchina a Vapore" di San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna, ha salvato dalla ruggine e dall’abbandono un pezzo di storia molto particolare della sanità fiorentina che torna dal passato in occasione dell’attivazione del capolinea della nuova Tramvia.

Insieme all’Assessore Saccardi saranno presenti all’inaugurazione, autorità comunali, Rocco Damone direttore generale dell’Azienda Careggi e il signor Giancarlo Della Valle che da giovane ha curato la manutenzione della locomobile dopo aver conseguito la patente di “conduttore di caldaie mobili a vapore”.

La locomobile chiamata a Careggi “vaporiera” veniva utilizzata all’inizio del Novecento specialmente in agricoltura come macchina motrice per azionare, tramite cinghie, trebbiatrici e presse per foraggi. Alcune versioni, opportunamente allestite e cingolate, erano destinate anche all’aratura.  Fabbricata probabilmente in Inghilterra, è di marca “Marshall”, è formata da due parti funzionalmente distinte: una caldaia e una motrice che utilizza il vapore per produrre energia cinetica. La vaporiera è montata su un carro metallico che era trainato da una coppia di buoi.


Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.

Continuando la navigazione ne accetti il loro utilizzo. Per saperne di più o non consentirne l'utilizzo leggi Maggiori Informazioni

Continua