dr.ssa Lucia Turco

Il Direttore Sanitario partecipa, unitamente al Direttore Generale, che ne ha la responsabilità, alla direzione dell'Azienda, assumendo diretta responsabilità delle funzioni attribuite alla sua competenza e concorre, con la formulazione di proposte e di pareri, alla formazione delle decisioni della Direzione Generale.

2) Il Direttore Sanitario espleta funzione di direzione tecnicoorganizzativa e igienico-sanitaria dell’attività aziendale, avvalendosi delle competenti strutture di riferimento, in conformità agli indirizzi generali di pianificazione, alle disposizioni del Direttore Generale e nel rispetto delle competenze attribuite o delegate ad altri livelli dirigenziali.

3) Il Direttore Sanitario fornisce supporto tecnico al Direttore Generale, di concerto con il Direttore Amministrativo, nella fase di negoziazione di budget.

4) Il Direttore Sanitario concorre, unitamente al Direttore Amministrativo, a definire l’entità delle risorse economiche disponibili per l’acquisizione di risorse umane e strumentali finalizzate alla produzione di prestazioni sanitarie, nel rispetto degli obiettivi assegnati dal Direttore Generale.

5) Il Direttore Sanitario svolge ogni funzione, compresa l’adozione di atti a rilevanza esterna, attribuitagli dalle norme vigenti, dal presente atto e dai regolamenti aziendali, oppure delegatagli dal Direttore Generale.

6) Il Direttore Sanitario presiede il Consiglio dei Sanitari di cui all’art. 45 della Legge Regione Toscana n. 40/2005 e smi nonché, ai sensi dell’art. 48 della medesima legge, il Collegio di Direzione.

7) Il Direttore Sanitario, di sua iniziativa o su indicazione del Direttore Generale, può delegare o avocare a sé la trattazione diretta di procedimenti, afferenti l’area sanitaria, che rivestono particolare rilevanza e che non siano già stati delegati direttamente dal Direttore Generale, adottando tutti gli atti necessari.

8) In caso d’assenza o impedimento del Direttore Sanitario, le sue funzioni sono svolte temporaneamente da un Dirigente medico di struttura complessa nominato dal Direttore Generale su proposta del Direttore Sanitario stesso. Nel caso in cui l’impedimento si protragga oltre sei mesi, il Direttore Generale procede alla sostituzione nei modi e nei termini previsti dalla vigente normativa.

9) Il Direttore Sanitario è soggetto alle cause di incompatibilità ed inconferibilità di cui al D.Lgs n° 39/2013.


Vedi anche Incarichi amministrativi di vertice.
←Torna a Organigramma