Università degli Studi di Firenze SST Regione Toscana

Gli accessi venosi centrali a lungo termine sono il tema di un convegno in programma a Careggi dal 21 al 22 maggio con la partecipazione di docenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. A Careggi ne sono impiantati oltre 2mila all’anno “Concepiti per pazienti che devono essere sottoposti a terapie endovenose di lunga durata come chemioterapie, antibiotici o nutrizione parenterale, gli accessi venosi a lungo termine – spiega Fulvio Pinelli  responsabile scientifico dell’evento e medico dell'Anestesia oncologica e Terapia Intensiva di Careggi diretta dal professor Raffaele De Gaudio – hanno visto negli ultimi anni una grande evoluzione verso dispositivi sempre meno invasivi e tecniche di impianto più sicure”.
 
Saranno affrontati i temi della prevenzione delle complicanze infettive e trombotiche e presentata l’innovativa tecnica di localizzazione basata sull’elettrocardiogramma intracavitario, metodica che consente di localizzare con precisione il catetere in prossimità del cuore senza l’utilizzo di radiazioni ionizzanti, risparmiando a pazienti e operatori un rischio aggiuntivo.


Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.

Continuando la navigazione ne accetti il loro utilizzo. Per saperne di più o non consentirne l'utilizzo leggi Maggiori Informazioni

Continua