Università degli Studi di Firenze SST Regione Toscana

CRR

 

 

Direttore Dr.ssa Laura Belloni

Equipe

Luca Amoroso
Matilde Ardito
Emanuele Baroni
Beatrice Caiulo
Annalena Ciolli
Maria Ditta
Matteo Galanti 
Davide Giomi
Monica Giuli
Sonia Padiglioni

Alla UO Clinica delle Organizzazioni afferisce il Centro di riferimento Regionale sulle Criticità Relazionali (CRCR)
 
UO Clinica delle Organizzazioni – Centro di riferimento Regionale sulle Criticità Relazionali (CRCR)
 
Obiettivi
La UO Clinica delle Organizzazioni - Centro di riferimento Regionale sulle Criticità Relazionali ha nella sua mission:
  • La promozione del benessere e dello sviluppo di organizzazioni, gruppi di lavoro e individui attraverso la valorizzazione delle relazioni
  • La prevenzione e l’intervento sulle conflittualità, sia fra il personale del SSR, che fra utenti e Aziende
  • Il miglioramento della qualità delle relazioni a tutti i livelli dell’organizzazione (direzioni, professionisti e utenti)
  • Promozione di una cultura della partecipazione e integrazione che colga nell’elemento della diversità l’occasione della crescita e dello sviluppo 
Per il perseguimento di tali obiettivi la UO svolge: 
  • Attività consulenziali rivolte ai diversi livelli delle organizzazioni
  • Accompagnamento - sostegno - supervisione al singolo professionista e ai gruppi di lavoro
  • Interventi formativi
  • Progettualità specifiche basate sull’analisi dei contesti, somministrazione di strumenti di indagine, incontri di restituzione, introduzione di modalità lavorative orientate alla costruzione di reti di professionisti
  • Costituzione di tavoli di lavoro
  • Progettualità specifiche, concordate con le Direzioni Aziendali, che prevedono la realizzazione di prestazioni psicologico specialistiche rivolte all’utenza, a professionisti e gruppi di lavoro finalizzate alla promozione del benessere, dello sviluppo organizzativo e della qualità delle relazioni

Aree di intervento
L’equipe di professionisti del Centro si occupa di consulenza, analisi, progettazione, intervento e valutazione nelle seguenti aree di psicosociologia clinica: 
  • Disagio e difficoltà di adattamento lavorativi
  • Clima organizzativo nelle aziende sanitarie
  • Conseguenze psicologiche e relazionali nella gestione di eventi critici da parte di equipe multi-disciplinari (area trauma e emergenza-urgenza)
  • Relazioni critiche e disagio relazionale individuale e di gruppo (organizzazione – operatore – paziente – famiglia)
  • Conflittualità tra personale e tra utenti e organizzazioni

Contatti
Per informazioni e richieste contattare la UO Clinica delle Organizzazioni – CRCR
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
telefono 055 794 97 37
Indirizzo Via Delle Oblate 1 - 50141 FIRENZE  Padiglione 67.

Referente Prof. Lorenzo Franchi

Questo Centro di riferimento Regionale afferisce alla SOD Odontostomatologia e ha sede presso l'Ambulatorio Odontostomatologia B

L'equipe di professionisti di questo centro si occupa della diagnosi e del trattamento delle anomalie dento-alveolari e/o scheletriche dei mascellari in età evolutiva ad alta priorità di trattamento e con indice di necessità di cura (IOTN) di grado 4 e 5.
L'obiettivo del trattamento ortodontico in età evolutiva è quello di intercettare in fase precoce le malocclusioni di I, II e III Classe scheletrica che possono essere trattate con apparecchi ortopedico-funzionali sfruttando il potenziale di crescita; successivamente in età giovane adulta l'obiettivo è quello di completare la correzione delle malocclusioni trattate in eta' evolutiva e perfezionare l'occlusione da un punto di vista funzionale ed estetico.

Sono previsti inoltre percorsi assistenziali prioritari per:

  • patologia cranio-facciali malformative 
  • labiopalatoschisi
  • problematiche pre- e post-operatorie maxillo-facciali.

Attività

  • prima visita
  • visita di controllo
  • esame e studio del caso (analisi delle radiografie e studio dei modelli in gesso)
  • terapia con apparecchiature rimovibili
  • terapia con apparecchiature ortopedico-funzionali
  • terapia con apparecchiature fisse

Collaborazioni

  • Dipartimento di Ortodonzia e Odontoiatria Pediatrica, Università del Michigan, Ann Arbor, USA (dal 2000 a tutt’oggi)
malocclusione di II Classe prima della terapia ortopedico-funzionale 17 OdontoMaloccTratt
Fig. 1 - Malocclusione di II Classe prima della terapia ortopedico-funzionale  Fig. 2 - Occlusione normale di I Classe dopo terapia ortopedico-funzionale seguita da apparecchi fissi 
malocclusione di III Classe prima della terapia ortopedico-funzionale occlusione normale di I Classe dopo terapia ortopedico-funzionale
Fig. 3 - Malocclusione di III Classe prima della terapia ortopedico-funzionale Fig. 4 - Occlusione normale di I Classe dopo terapia ortopedico-funzionale

Responsabile in attesa di nomina

Il Centro di Riferimento Regionale afferisce alla SOD Oculistica; la SOD Diagnostica Genetica partecipa al percorso assistenziale in AOUC.

Attività
L'equipe di professionisti di questo Centro si occupa del trattamento delle seguenti patologie:

  • Malattia di Stargardt (Fondo flavimaculato)
  • Malattia di Best (distrofia maculare vitelliforme)
  • Retinoschisi Giovanile (Retinoschisi X linked)
  • Distrofia dei coni
  • Distrofia maculare a pattern
  • Distrofia maculare vitelliforme dell’adulto
  • Distrofia maculare di Sorsby
  • Drusen dominanti (Distrofia di Doyne, Malattia levantinese)
  • Retinite pigmentosa
  • Amaurosi congenita di Leber
  • Distrofia cristallina di Bietti
  • Fondo albipuntato
  • Retinite Puntata Albescente
  • Sindrome di Usher
  • Emeralopia essenziale (cecità notturna congenita stazionaria)
  • Distrofia coroideale centrale
  • Coroideremia
  • Atrofia Girata della Coroide
  • Vitreoretinopatia di Goldmann-Favre
  • Sindrome di Wagner
  • Sindrome di Stickler
  • Vitreoretinopatia Essudativa Familiare
  • Malattia di Von Hippel Lindau
  • Complicanze oculari dello Pseudoxantoma Elastico (PXE) (strie angioidi )
  • Complicanze oculari della malattia di Fabry

e dello studio molecolare dei seguenti geni:

  • ABCR (ABCA4)
  • VMD2
  • RDS Periferina
  • RPE65
  • GUCY2D
  • RDH12
  • VEGF
  • PEDF
  • VHL
  • Screening molecolare mediante microarray per Retinite Pigmentosa recessiva
  • Screening molecolare mediante microarray per Sindrome di Usher
  • Screening molecolare mediante microarray per Amaurosi Congenita di Leber

Nell’ambito del centro vengono inoltre valutati i fattori di rischio genetico per pazienti affetti da degenerazione maculare legata all’età (Age related Macular Degeneration, AMD).

Attività clinica in regime ambulatoriale

  • Ambulatorio Degenerazioni Retiniche Ereditarie
  • Esami Elettrofisiologia Oculare: Elettroculogramma (EOG), Elettroretinogramma (ERG), elettroretinogramma Multifocale (mfERG), Potenziali Evocati Visivi (PEV)
  • Fluorangiografia
  • Retinografia in Autofluorescenza
  • Tomografia a Coerenza Ottica (OCT)
  • Microperimetria
Sede di attività

Prenota visite ed esami presso Accoglienza e Accettazione CTO-Neuromotorio e Organi di senso

Collaborazioni

  • Società Italiana Oftalmologia Genetica (SIOG)
  • Moorfields Eye Hospital , London (UK)
  • Eye Institute , Columbia University, New York (USA)

Responsabile Dr. Francesco Gambassi

Equipe
Alessandra Ieri
 
Il Centro Antiveleni è Centro di Riferimento Regionale, afferisce alla SOD Tossicologia Medica e offre un servizio di consulenza telefonica su ogni tipo di intossicazione, vera o presunta, ad accesso diretto nelle 24 ore, per ospedali, istituzioni e cittadini di tutta la nazione.
I medici tossicologi forniscono indirizzo diagnostico e terapeutico in tempo reale in tutti i casi di intossicazione acuta, accertata o sospetta.

Tel. 055 794 7819

Informazioni sulle Piante velenose


  • Consulenza telefonica h 24 su intossicazioni vere o presunte
  • Visita specialistica tossicologica
  • Informazione e documentazione tossicologica
  • Sensibilizzazione sul rischio tossicologico e prevenzione degli incidenti tossicologici
  • Formazione e addestramento operatori sanitari
  • Monitoraggio epidemiologico delle intossicazioni acute sul territorio nazionale in rete con gli altri 5 Centri Antiveleni italiani (Milano Niguarda, Pavia, Roma UCSC, Roma Sapienza, Napoli Cardarelli)
  • Sorveglianza sindromica per eventi convenzionali e non convenzionali (eventi sentinella ed early warning) in rete con gli altri 5 Centri Antiveleni italiani, Centro Controllo Malattie del Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità
  • Detenzione scorta antidoti e fornitura ad altre strutture sanitarie
  • Schedatura prodotti chimici
  • Convenzione con aziende che producono e/o commercializzano preparati pericolosi, ex Regolamento 453/2010 UE, relativamente ad etichettatura e schede di sicurezza dei prodotti
  • Management macroemergenze chimiche




Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.

Continuando la navigazione ne accetti il loro utilizzo. Per saperne di più o non consentirne l'utilizzo leggi Maggiori Informazioni

Continua