Autorizzazione e accreditamento istituzionale

Sono obbligatori per le strutture sanitarie del Sistema Sanitario Nazionale e sono gestiti dalle singole Regioni, con lo scopo di verificare il possesso di requisiti organizzativi, strutturali, impiantistici e tecnologici che influiscono sulla qualità e la sicurezza dell’assistenza.

Autorizzazione all’esercizio
Rilascio del nulla osta all’ esercizio di attività sanitaria a seguito della verifica del possesso dei requisiti previsti dalla legge (Legge regionale n. 51 del 5 agosto 2009 e s.m.i.).
L’autorizzazione è presupposto indispensabile per iniziare tutte le attività sanitarie sia pubbliche che private.

Il Direttore Generale dell’Azienda deve comunicare alla Giunta regionale:

  • l’avvio di nuova attività
  • l’ampliamento, la trasformazione o il trasferimento dell’attività esistente allegando alla comunicazione l’attestazione del possesso dei requisiti di esercizio della struttura su base autocertificativa.

I requisiti di esercizio, articolati in sezioni, si dividono in:

  • Generali, (sezione A) devono essere posseduti da tutte le tipologie di strutture
  • Specifici, (sezione B, C, D) relativi alla tipologia di attività

Ciascuna sezione di requisiti si avvale di liste di autovalutazione sulle quali viene fornita evidenza del possesso dei requisiti richiesti.

Accreditamento Istituzionale
Processo di valutazione e di verifica delle aziende sanitarie pubbliche e private che vogliono esercitare attività sanitaria nell’ambito del SSN. La valutazione avviene relativamente al possesso di una serie di requisiti (organizzativi e di perfomance), predeterminati dalla Regione.
L’Accreditamento risponde altresì all’esigenza di effettuare una selezione degli erogatori di servizi sanitari pubblici attraverso criteri di valutazione della qualità dell’assistenza.
La Regione Toscana disciplina sia l’Autorizzazione che l’Accreditamento istituzionale attraverso:
  • Legge regionale n. 51 del 5 agosto 2009 e s.m.i.  “Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture  sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi di esercizio e sistemi di accreditamento” aggiornata con Legge regionale n. 50 del 2/8/2016
  • Regolamento attuativo – della Legge regionale n. 51 del 5 agosto 2009 aggiornata al 2016 – n. 79 R del 17/11/2016

L’AOUC ha attestato, a suo tempo, il possesso dei requisiti di Autorizzazione e Accreditamento secondo i tempi e i modi previsti dal Regolamento attuativo del 2010 e ha in corso di attestazione i processi aziendali secondo il calendario previsto dal nuovo regolamento.
Leggi tutto sul sito di Regione Toscana: Autorizzazione e accreditamento

Verifiche regionali
La Regione, in attuazione del Regolamento 61/2010, ha effettuato verifiche a campione presso le seguenti strutture dipartimentali aziendali, nel periodo 2011/2013:

1) verifica requisiti di Accreditamento:

  • ORTOPEDIA anno 2012
  • ONCOLOGIA anno 2012
  • BIOMEDICINA anno 2013
  • CUORE E VASI anno 2014

NB:a seguito della riorganizzazione aziendale di agosto 2014, i sopra citati Dipartimenti non sono riconducibili agli attuali. Non sono state ad oggi effettuate verifiche secondo il nuovo Regolamento 79/2016.

2) verifica requisiti Autorizzativi:

  • Padiglione  25 CTO – Neuromuscoloscheletrico, settore “E” – Ambulatori anno 2013
  • Padiglione 14/B Ambulatori anno 2013
  • Padiglione 15 Piastra dei Servizi – Servizio Trasfusionale anni 2014 e 2017
  • Padiglione 7 Maternità e ginecologia anno 2014
  • Padiglione 9 Libera professione e senologia anno 2014
  • Padiglione 15 Piastra dei Servizi  anno 2015
  • Padiglione 16 San Luca settori B/C anno 2015

La UO Accreditamento, Qualità e Risk management gestisce i processi aziendali di valutazione della Qualità.


Articoli correlati

Certificazione ISO

Accreditamento di eccellenza

Altri riconoscimenti

Ultimo aggiornamento

22 Maggio 2023, 08:31

Skip to content